Inserisci qui le parole..

E premi invio.

BRAVO GRAZIE SCUSA E LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

Bravo Grazie Scusa e la comunicazione interpersonale. Non possiamo riassumere un corso sulla comunicazione, ma possiamo dare qualche elemento di riflessione. Innanzitutto, chiediamoci qual è l’obiettivo di una buona comunicazione. Normalmente crediamo che è il convincere il nostro interlocutore, il farci ascoltare. In realtà, prima di convincere gli altri, la buona comunicazione spinge ad un altro obiettivo che è l’armonia tra due soggetti diversi. Ecco, l’armonia quando si genera tra due soggetti diversi? Nel momento in cui esiste una corretta comunicazione, che significa corretta comprensione del messaggio di chi ci sta di fronte. Riporto questo intervento del 3 febbraio 2021 nella rubrica “Capatàz”, di Catia Ventura, dell’omonima casa editrice del mio volume.

MUTI, SI COMUNICA

Anche chi ci sta di fronte in maniera muta, silente, ci sta comunicando qualcosa di sé. È questa comunicazione che dobbiamo cercare di comprendere: più spingiamo il nostro livello di comprensione in avanti, e lo spingiamo attraverso l’ascolto, l’ascolto profondo, chiudendo i nostri rubinetti ricchi di pregiudizi, di parole, più saremo in grado di arricchirci dalla comunicazione comprendendo le cose, l’animo e la persona che abbiamo in quel momento di fronte. Più ci troviamo in questa condizione, più si sviluppa armonia reciproca tra i due o più soggetti che in quel momento stanno in qualche modo interagendo. Quindi, l’armonia diventa veramente il fine ultimo della comunicazione.

COMPRENDERE IL PERCHÉ

Se poi nella comunicazione, dopo che io ho capito perché il mio interlocutore ha un’idea diversa dalla mia, ho dunque compreso non solo le sue ragioni ma nel profondo anche il perché la pensa in quella maniera e quindi quali sono i suoi schemi mentali che utilizza per interpretare la realtà -evidentemente in modo differente da come faccio io-, avrò seminato sicuramente in positivo per arrivare a questo obiettivo comune. Raggiunta l’armonia, conseguentemente, si può fare il passo successivo. Ecco il nesso potente delle nostre parole magiche: Bravo Grazie Scusa e la comunicazione interpersonale…

CONCLUDENDO

Possiamo condividere le idee, possiamo esporre le nostre opinioni in maniera articolata e differenziata, sapendo che a quel punto abbiamo creato la reciproca accettazione tra due o più soggetti. E come avviene questa comunicazione? Quali sensi e parti del corpo coinvolge? Sappiamo che c’è una comunicazione verbale e una comunicazione para verbale -quindi dalle parole si passa ai toni-; c’è pure una comunicazione importantissima non verbale che è rappresentata dalla nostra gestualità, dalle nostre pause, dai nostri sguardi, dalla nostra postura.

Se ti interessa acquistare il libro: BRAVO, GRAZIE, SCUSA – Nuovidea

LEGGI PURE: Bravo, Grazie, Scusa, le parole magiche sul clima aziendale https://www.giuseppesalvato.it/bravo-grazie-scusa-le-parole-magiche-sul-clima-aziendale/

Bravo, Grazie, Scusa e la giornata della gentilezza https://www.giuseppesalvato.it/bravo-grazie-scusa-e-la-giornata-della-gentilezza/